Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo.
Per maggiori informazioni sulle caratteristiche e sulle modalità di disattivazione di tali cookie si veda l'informativa estesa.

Azione di informazione, comunicazione, sensibilizzazione e pubblicità

ISC CENTRO: CON IL DECALOGO ACQUE PIU’ SICURE PER 200 ALUNNI

Foto di gruppo

Non fare il bagno in mare da soli, non buttarsi in acqua dopo una lunga esposizione al sole, stare attenti al significato della bandiere sulla spiaggia. Sono alcune delle regole del decalogo presentato ai circa 200 alunni delle classi terze della scuola secondaria Curzi dai “baywatch” sambenedettesi nel corso dell’incontro svoltosi nell’aula magna dell’istituto rivierasco. Un momento di confronto e approfondimento sulla sicurezza in mare, promosso nell’ambito del progetto triennale Acque sicure organizzato dai docenti del dipartimento di educazione fisica della scuola.

L’importanza della formazione dei ragazzi come strumento di prevenzione è stata rimarcata dalla dirigente dell’Isc Laura D'Ignazi, mentre ad illustrare il decalogo della balneazione sicura e alcune procedure di primo soccorso sono stati Gianluigi Marinangeli e Cristiano Gasparretti, della Lifeguard Asd, e Luca Buttafoco, direttore della cooperativa City Service. Ma l’incontro alla Curzi è stato anche l’occasione per saperne di più su una professione, quella di bagnino, importante per l’economia turistica cittadina, oltre che occasione di lavoro negli anni per centinaia di sambenedettesi.