Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo.
Per maggiori informazioni sulle caratteristiche e sulle modalità di disattivazione di tali cookie si veda l'informativa estesa.

Azione di informazione, comunicazione, sensibilizzazione e pubblicità

CURZI, STUDENTI A LEZIONE DI SPORT E VITA CON IL CAMPIONE MONDIALE RICCARDO SCENDONI

E’ una vera e propria lezione di vita e di sport quella che ha visto protagonisti gli studenti della scuola media Curzi e Riccardo Scendoni, atleta paralimpico e campione mondiale dei 100 e 200 metri. L’iniziativa, promossa dall’ISC Centro, si è svolta nell’auditorium del Comune di San Benedetto del Tronto, alla presenza di oltre centrotrenta ragazzi, assieme ai professori, alla Dirigente Stefania Marini, all’assessore Marco Curzi e alla Dott.ssa Renata Brancadoro. Il tutto nell’ambito del progetto Uniti nello sport. La storia di Scendoni ha interessato ed emozionato i ragazzi della Curzi. A 17 anni la vita di Riccardo è cambiata, a causa di un grave incidente accaduto proprio all’uscita da scuola. I medici sono stati costretti ad amputargli una parte della gamba, interrompendone una promettente carriera di pallavolista.

 R. ScendoniIl giovane non si è dato per vinto e ha deciso di non abbandonare l’attività sportiva, indirizzandosi verso l’atletica. Sacrifici ripagati da due medaglie d’oro nei 100 e 200 metri piani ai Giochi mondiali IWAS e dalla partecipazione alle Paralimpiadi di Londra, dove è sceso in pista al fianco di Oscar Pistorius, l’atleta sudafricano oggi purtroppo alla ribalta non più per motivi solo sportivi. E, qualche giorno fa, è arrivata anche la vittoria nei 200 metri del campionato italiano indoor. Un esempio perfetto di come sia possibile reagire a situazioni fortemente negative sfruttando appieno le proprie capacità, che è poi l’obiettivo didattico del progetto “Uniti nello sport” attivato dall’Istituto anche per sensibilizzare gli alunni al tema della disabilità.