Questo sito fa uso di cookie, anche di terze parti. Continuando la navigazione se ne accetta l'utilizzo.
Per maggiori informazioni sulle caratteristiche e sulle modalità di disattivazione di tali cookie si veda l'informativa estesa.

Azione di informazione, comunicazione, sensibilizzazione e pubblicità

LA DEMOCRAZIA PARLA DI NOI

Coperina LibroL’I.C. “CENTRO” incontra Gherardo Colombo

Gherardo Colombo per oltre trent’anni ha svolto l’attività di magistrato, contribuendo ad inchieste celebri, tra cui quella denominata “Mani pulite”; ormai ritiratosi dall’onorato servizio, si dedica alla riflessione pubblica sulla giustizia, finalizzata, soprattutto, all’informazione e alla sensibilizzazione dei giovani, di quella generazione che sarà la nuova classe dirigente italiana. Il 29 Marzo 2019, presso il Teatro Concordia, il magistrato ha presentato il suo libro “Democrazia”, così alcune classi della Scuola Secondaria di I grado “Curzi” (3B, 3C, 3D, 3H, 2B) hanno avuto il privilegio di assistere ad una vera e propria “lezione” di cittadinanza. Il tema portante è stato quello della democrazia, intesa come lo strumento attraverso il quale si organizza la società, il nostro stare insieme, analizzata da diversi punti di vista: della forma, dello scopo, della sostanza; in secondo piano è stato trattato il concetto di cittadinanza, i diritti e i doveri che implica, libertà e concordia (come diceva Platone), il senso di appartenenza alla comunità: argomenti difficili affrontati con semplicità e coinvolgimento, con profondo senso civico.

Dal confronto in classe su alcuni passi del libro, secondo noi, un’affermazione di Colombo dovrebbe stare veramente a cuore a noi giovani: in democrazia le pari possibilità di scegliere consentono alle persone di percorrere strade diverse che portano a risultati diversi, quindi, «di solito chi studia impara e si attrezza per trovare un lavoro che gli piaccia; chi non studia deve accontentarsi di quello che trova; chi programma il proprio futuro più facilmente raggiunge risultati rispetto a chi vive alla giornata e così via; la libertà fa in modo che ciascuno possa essere artefice del proprio destino, sia in positivo sia in negativo».